Prevenire l’orzaiolo

Prevenire l’orzaiolo

orzaiolo-che-si-risolve

Fino a questo momento ci siamo occupati dell’orzaiolo, come sorge, perché può infettarsi e quali sono le cure sia tradizionale che quelle legate a medicine alternative che possono curare la sintomatologia classica.

Ora affrontiamo un aspetto non meno importante tra quelli fino a questo momento valutati, cosa fare quanto l’orzaiolo è recidivo, in poche parole dopo averlo curato questo nel corso del tempo viene nuovamente fuori sul viso con tutti i disagi che ne conseguono.

Nel caso in cui l’orzaiolo sia recidivo, bisogna necessariamente pensare a una cura preventiva che faccia in modo tale da ridurne il fastidio e la sua intensità. La parte esterna della palpebra deve essere pulita in maniera frequente con un impacco specifico.

Vediamo ora nel dettaglio come deve essere fatto questo impacco e quante volte deve essere applicato nel corso della giornata. La palpebra esterna deve essere pulita quotidianamente in maniera continua e costante.

Lo shampoo per bambini è alla base della cura preventiva che proponiamo, occorre nello specifico mettere alcune gocce appunto di shampoo delicato per bambini in una tazza d’acqua tiepida e bisogna mescolare lentamente il contenuto nella tazza.

Successivamente utilizzando un cottonfioc, bisogna delicatamente applicare la miscela sulla zona interessata ponendo estrema attenzione alla operazione che si svolge. Molto importante è durante l’operazione, quella di tenere gli occhi chiusi.

Dobbiamo anche preoccuparci dell’aspetto familiare della nostra infezione, infatti l’orzaiolo può essere contagioso, in modo particolare bisogna usare dei teli puliti di tipo monouso, facendo in modo tale che questi non vengano usati da altri membri della famiglia.

Un altro aspetto molto importante durante la cura della forma di orzaiolo recidiva, riguarda quello della estrema attenzione agli oggetti che vengono utilizzati, per questo occorre essere molto precisi e pignoli, cercando di tenere gli altri familiari lontani da salviette o asciugamani condivisi.

Infatti parliamo sempre di impacchi che vengono applicati su zone molto delicate, successivamente alla applicazione di questi, tenderemo ad asciugare la zona interessata con teli specifici come abbiamo detto monouso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>